L’appeso, chiamato e conosciuto meglio anche come L’impiccato, è la dodicesima carta degli Arcani Maggiori dei Tarocchi. Spesso, specialmente in antichità, la carta veniva anche definita come Il Traditore. Rappresentato come un uomo appeso con il piede sinistro ad una trave e con il ginocchio ripiegato a croce, il giovane dell’Arcano Maggiore n.12, rappresenta un sacrificio, una tortura da dover sopportare. L’appeso ha un volto molto sereno, contrariamente e in contrapposizione con il significato della carta, in grado di sopportare in modo impassibile il dolore.

Significato

L'Appeso dei Tarocchi: dodicesima carta degli Arcani Maggiori
L’Appeso dei Tarocchi: dodicesima carta degli Arcani Maggiori

L’Appeso rappresenta una tortura da dover sopportare, un sacrificio da mettere in pratica.

L’Impiccato sembra assumere un carattere molto negativo ma in realtà non è propriamente così. Rappresenta la situazione di chi ormai è rassegnato al proprio destino, una situazione sfavorevole ormai protratta e duratura. L’Impiccato può significare anche il momento della rinuncia, di una rinuncia importante per un bene ritenuto superiore.

Non bisogna in questo caso agire in modo impulsivo oppure opporsi al proprio destino ma accettare una situazione inevitabile, una scelta doverosa. Bisogna spesso sacrificarsi per ottenere qualcosa di migliore in futuro; un sacrificio per un miglioramento fortemente desiderato. Credere veramente che qualcosa di bello in futuro ci sarà, ci deve essere.

Come interpretare la carta dritta?

Il significato positivo dell’impiccagione è quello di un invito ad essere più ricettivi e flessibili. Non è il momento di agire in modo impetuoso ma è il momento della riflessione, di ponderare attentamente i propri passi. L’impiccato come carta al dritto, infatti, è un arcano che implica dedizione e anche fiducia. Fiducia in un futuro migliore per un sacrificio attuale. E’ un invito anche a prendere la vita in maniera meno profonda e un pizzico più superficiale. Bisogna imparare a disinteressarsi maggiormente di tutto quanto può portare dolore, almeno in determinati momenti della propria vita. E’ il momento della tranquillità, della ricerca spirituale, della riscoperta di determinati hobby e di riscoprire fiducia in se stessi. Basta muoversi in maniera troppo dura, aspettandosi sempre tanto (forse troppo) dagli altri; è il momento di vivere la vita in maniera meno profonda e più disinteressata.

Come interpretare la carta al rovescio?

La carta al rovescio dell’Impiccato ha un ruolo sicuramente più negativo rispetto alla carta al dritto. Cosa significa? Un momento sfavorevole, una situazione esistenziale difficile da superare. E’ un momento di profonde preoccupazioni, di occasioni che non vengono colte al meglio. Non si riesce a realizzare al meglio la propria vita, si vive in un momento di “perdizione” e le soluzioni e strade facili sono il miraggio dietro l’angolo. Da atti di opportunismo a vittimismo passando per delusioni lavorative e amorose, l’Impiccato al rovescio è davvero una carta molto pesante, con un significato profondamente negativo. Bisogna per questo motivo fermarsi un attimo e riscoprire se stessi, recuperando situazioni e rapporti, non lasciandosi abbandonare in un vortice di perdizione. La carta dell’Impiccato al rovescio può indicare anche una sconfitta pesante oppure un momento difficile come può essere una separazione o addirittura divorzio oppure un licenziamento improvviso. Come superare questa situazione drastica? Facendo forza sulla propria intelligenza e riscoprendo la voglia di vivere. I momenti negativi passano ma bisogna fare in modo che essi siano brutti ricordi, bisogna crederci veramente.