SHARE

SCORPIONE: OROSCOPO SETTEMBRE 2019

Anche quelli dal cuore duro come i nati sotto il segno dello scorpione hanno dei momenti di debolezza, questo mese sarà contraddistinto da notevoli e repentini cambi d’umore, siete molto indecisi su qualcosa o su qualcuno, avete dubbi sul percorso intrapreso, e vi viene la forte tentazione di rimettere tutto in discussione. Cercate per quanto possibile di non logorarvi troppo, le risposte pian piano verranno da se, d’altro canto non rimandate ancora a lungo decisioni importanti facendovi scudo della fragilità.

Lavoro: ultimamente il clima non è più disteso come un tempo, e qualche nota stonata vi porta a stare chiusi a riccio, specie poi se occupate dei ruoli dirigenziali. Da tempo lavorate con dedizione ad un progetto di squadra, che in realtà dovrebbe anche essere ben riuscito, però qualcuno dall’esterno potrebbe intestarselo. Voi che non sapete stare fermi a guardare, se non covando rancore, avete sbraitato ma alla fine avete dovuto cedere. Forse ora, impietosi come siete ve lo state rimproverando Però è il momento di andare avanti, senza rimuginare eccessivamente sulle cose. Per chi sta per intraprendere nuovi colloqui di lavoro e nuove professioni il cielo è nuvoloso, si rischiarerà verso la fine del mese.

Amore: state mettendo veramente a dura prova il partner con la vostra poca chiarezza, un giorno siete presenti e avete voglia di condividere, quello dopo vi comportate come se foste single. A seconda di quanto ci tenete al rapporto il consiglio è quello di ragionare sulla vostra storia, chiedervi se davvero sta funzionando oppure se sia il caso di concedersi una pausa in solitudine. I single incalliti, quelli alla ricerca solo di avventure si dovranno ricredere verso la metà di settembre quando qualcuno comincerà a stuzzicare il vostro interesse.

La parola del mese: sbalzo

Le affinità zodiacali: leone, vi ridimensioneranno

Il giorno migliore: 18 settembre

La citazione di settembre: troppa gente si occupa dei sensi unici e dei sensi vietati, senza mai mettersi in cammino.

(Fabrizio Caramagna)